Fattura elettronica obbligatoria per tutti: focus sui forfettari

da | Mag 9, 2022 | Amministrazione, Forfettario

A partire dal 1° luglio 2022, l’obbligo della fatturazione elettronica viene estesa anche ai soggetti sinora esonerati.

L’estensione dell’obbligo è generalizzata e si applica a tutte le categorie finora esonerate, vale a dire:
a) i soggetti passivi che rientrano nel regime di vantaggio (art. 27, commi 1 e 2, D.L. n. 98/2011);
b) i soggetti passivi che applicano il regime forfettario (art. 1, da 54 a 89, legge n. 190/2014);
c) i soggetti passivi (associazioni sportive dilettantistiche ed enti del terzo settore) che hanno esercitato l’opzione per l’applicazione del regime speciale ai fini dell’IVA e delle imposte sui redditi ai sensi degli articoli 1 e 2, legge n. 398/1991 “e che nel periodo d’imposta precedente hanno conseguito dall’esercizio di attività commerciali proventi per un importo non superiore a euro 65.000”.
Approfondiamo in questo articolo, l’obbligo riguardante i forfettari.
Non tutti, infatti, dovranno partire con la fatturazione elettronica, almeno fino al 2024.
Per gli anni 2022 e 2023 i forfettari obbligati a fare fattura elettronica, saranno quelli che hanno conseguito, nell’anno precedente, ricavi superiori ai 25.000€. Questa soglia è da ragguagliare in base agli effettivi mesi di attività.
Facciamo un esempio: se ho aperto partiva iva nel luglio 2021, la soglia oltre la quale avrò l’obbligo di fattura elettronica, sarà di 12500€.
Come possiamo organizzarci per emettere e ricevere fatture elettroniche?
Innanzitutto, dobbiamo decidere se utilizzare un programma a pagamento o se usufruire del servizio gratuito messo a disposizione dall’Agenzia Entrate, attraverso il portale Fatture e Corrispettivi.
Di solito, è il commercialista stesso a proporre una soluzione uguale per tutto lo studio, perché questo permette di ottimizzare il processo di raccolta dati e assistenza.
Cosa cambia rispetto alla fattura analogica?
Disclaimer: i dati elencati, sono obbligatori già nella fatturazione tradizionale, quello che cambia, è che nella fatturazione elettronica i controlli sono più rigidi e in mancanza dei dati completi, la fattura non può essere inviata. I dati da inserire sono:
  • Nome Cognome o Ragione sociale
  • Indirizzo (sede legale)
  • Codice fiscale (sempre)
  • Partita iva (solo per clienti business)
  • Indirizzo telematico (se il cliente fa fattura elettronica)
Le tempistiche: anche in questo caso, la legge ci dice che, salvo qualche eccezione, di norma la fattura non può mai essere successiva al pagamento. La data fattura può essere precedente o uguale al giorno in cui riceviamo i soldi.
Una volta che si è preparata la fattura, con data corretta, abbiamo poi 12 giorni di tempo per procedere con l’invio allo SDI, il Sistema di Interscambio che effettuerà i controlli formali sulla fattura che abbiamo preparato.
L’esito: il controllo è pressoché immediato e se la nostra fattura non supera questa fase, riceveremo una ricevuta di scarto. Questo significa che la nostra fattura non è stata emessa e dovremo quindi procedere alla sua correzione, utilizzando lo stesso numero.
Ecco perché è importante fare attenzione alla scadenza dei 12 giorni. Dobbiamo prevedere il rischio che la nostra fattura venga scartata e avere il tempo per rimediare nell’arco di questo tempo.
Puoi approfondire la fatturazione elettronica in questo modulo di b-easy.

Se vuoi approfondire

b-easy è la libreria di corsi online che ti aiuta a far crescere il tuo business consapevolmente.

Letture consigliate

Nuove regole per lo smart working dal 1° settembre

Dal 1° settembre 2022, nuove regole per la comunicazione del lavoro agile dei propri dipendenti. Durante la pandemia, vista l'urgenza di non fermare le attività produttive, l'attivazione del cosiddetto smart working, poteva prescindere dall'accordo individuale con il...

Recuperare le fatture degli acquisti

Recuperare (facilmente) le fatture degli acquisti Non tutte le fatture sono elettroniche e questo significa rinunciare alla comodità di vederci recapitata la fattura direttamente sul programma di fatturazione. Ne consegue che, nella migliore delle ipotesi, sarà il...

Vendere beni online a clienti privati: fattura o scontrino?

Con "commercio elettronico indiretto" si fa riferimento alla vendita tramite Internet di beni fisici. Quindi, in sostanza, se ne parla solo quando: si perfeziona la vendita tramite un portale online (ordine e pagamento); segue una spedizione fisica del bene. Da un...

Inizia ora a far crescere il tuo business

Scarica la guida gratuita di b-garage. Iscriviti alla newsletter per ricevere la guida gratis e leggere gli aggiornamenti dal nostro blog e dai nostri corsi. Non inviamo mai spam e non diamo il tuo indirizzo a terzi.
Share This