1° luglio 2022 e autofatture elettroniche

da | Mar 14, 2022 | Amministrazione, Approfondimenti fiscali

Dal 1°luglio 2022 scatta l’obbligo di trasmissione elettronica tramite SDI:

  1. delle fatture per operazioni attive a clienti esteri;
  2. delle autofatture relative agli acquisti da fornitori esteri.

Cerchiamo di capire cosa cambierà in modo da organizzarci per tempo:

Fino al 30 giugno 2022 continuiamo a trasmettere all’Agenzia delle Entrate, con periodicità trimestrale, i dati delle operazioni attive e passive effettuate con soggetti non stabiliti in Italia (c.d. “esterometro“).
In sostanza, trasmetteremo ancora con questa modalità i dati del 1° e del 2° trimestre 2022. Poi basta.
Dal 1° luglio 2022, infatti, si dovrà utilizzare un unico canale di trasmissione (lo SDISistema di Interscambio) per inviare non solo le fatture elettroniche attive ai clienti italiani (come già facciamo), ma anche i dati delle operazioni sia attive sia passive con l’estero.
In particolare:

Fatture attive a clienti esteri

Per le fatture attive verso clienti non stabiliti in Italia, si dovrà emettere fattura elettronica inserendo nel campo codice destinatario “XXXXXXX”.

Già conoscevamo questa possibilità (e molti già lo fanno). Da luglio non si tratterà più di un’opzione, ma di un obbligo.

La trasmissione dovrà avvenire entro 12 giorni dall’effettuazione della cessione dei beni o della prestazione di servizi (ovvero il giorno 15 del mese successivo in caso di fatturazione differita).

Come per le fatture attive a clienti italiani, quindi, anche per i clienti esteri a cui ad esempio emettiamo fattura in data 1° luglio, avremo tempo fino al 12 luglio per trasmettere il file .xml allo SDI.

Fatture passive da fornitori esteri

Per le fatture passive di acquisto che si ricevono in modalità analogica da fornitori esteri, si dovrà generare un documento elettronico .xml da trasmettere allo SDI.

La trasmissione andrà effettuata entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello del ricevimento del documento o di effettuazione dell’operazione.

Per gli acquisti esteri di luglio, ad esempio, avremo tempo fino al 15 agosto per emettere l’autofattura/integrazione elettronica.

I “tipi documento” per integrare gli acquisti esteri saranno tre, a seconda dell’acquisto (bene o servizio) e del fornitore (Ue o extra-Ue):

TD17 – Autofattura per l’acquisto di servizi da soggetti esteri

Si deve emettere per il reverse charge esterno, ovvero quando il fornitore di servizi è un soggetto estero (residente in UE o extra UE, nella Repubblica di San Marino, oppure nella Città del Vaticano), con questi dati:

  • Cedente/prestatore: i dati del fornitore estero;
  • Campo cessionario/committente: i dati della nostra azienda che emette l’autofattura;
  • Data: la data di ricezione della fattura estera di acquisto nel caso di acquisto di servizi intracomunitari; la data di effettuazione dell’operazione nel caso di acquisto di servizi extra-comunitari o San Marino/Città del Vaticano.

TD18 – Integrazione per l’acquisto intracomunitario di beni

Questa tipologia di documento elettronico si utilizza per l’acquisto di beni da un soggetto residente in uno dei Paesi della Comunità Europea.

  • Cedente/prestatore: i dati del fornitore estero;
  • Campo cessionario/committente: i dati della nostra azienda che effettua l’integrazione;
  • Data: la data di ricezione (o comunque una data ricadente nel mese di ricezione della fattura emessa dal fornitore estero).

TD19 – Autofattura o integrazione per le ulteriori fattispecie previste nel caso di acquisto di beni dall’art. 17, comma 2, D.P.R. n. 633/1972

Si deve usare questa modalità per gli acquisti:

  • di beni provenienti dalla Repubblica di San Marino o dallo Stato della Città del Vaticano;
  • da un fornitore estero (Ue o extra-Ue) di beni che sono già nel territorio italiano (e quindi non è necessario effettuare l’operazione di importazione). Succede, ad esempio, negli acquisti online (es. tramite Amazon) per cui capita di ricevere dei beni da un magazzino in Italia, mentre la fattura viene emessa da un fornitore di un Paese extra-UE.

In questi casi i dati da indicare sono:

  • Cedente/prestatore: i dati del fornitore estero;
  • Campo cessionario/committente: i dati della nostra azienda che effettua l’integrazione;
  • Data: la data di ricezione della fattura estera di acquisto nel caso di acquisto di beni intracomunitari; la data di effettuazione dell’operazione nel caso di acquisto di beni da fornitore Extra-UE o Repubblica di San Marino/Città del Vaticano.

Le importazioni

L’obbligo di trasmissione dell’autofattura/integrazione elettronica è facoltativo per tutte le operazioni per le quali è emessa una bolletta doganale, oppure è stata emessa o ricevuta una fattura elettronica mediante SDI.

Sanzioni

La norma prevede la sanzione di 2 euro per ciascuna fattura, entro il limite massimo di 400 euro mensili.
La sanzione è ridotta alla metà, entro il limite massimo di 200 euro mensili, se la trasmissione è effettuata entro i 15 giorni successivi alle scadenze o se, nel medesimo termine, è effettuata la trasmissione corretta dei dati.

Se vuoi approfondire

b-easy è la libreria di corsi online che ti aiuta a far crescere il tuo business consapevolmente.

Letture consigliate

Nuove regole per lo smart working dal 1° settembre

Dal 1° settembre 2022, nuove regole per la comunicazione del lavoro agile dei propri dipendenti. Durante la pandemia, vista l'urgenza di non fermare le attività produttive, l'attivazione del cosiddetto smart working, poteva prescindere dall'accordo individuale con il...

Recuperare le fatture degli acquisti

Recuperare (facilmente) le fatture degli acquisti Non tutte le fatture sono elettroniche e questo significa rinunciare alla comodità di vederci recapitata la fattura direttamente sul programma di fatturazione. Ne consegue che, nella migliore delle ipotesi, sarà il...

Le società benefit

Le "società benefit" sono state introdotte in Italia nel 2016 con l’articolo 1, commi 376-384, L. 208/2015. Si tratta di imprese che perseguono una o più finalità di beneficio comune e operano in modo responsabile nei confronti di persone, ambiente...

Inizia ora a far crescere il tuo business

Scarica la guida gratuita di b-garage. Iscriviti alla newsletter per ricevere la guida gratis e leggere gli aggiornamenti dal nostro blog e dai nostri corsi. Non inviamo mai spam e non diamo il tuo indirizzo a terzi.
Share This