I contributi del Sostegni-bis

da | Mag 24, 2021 | Agevolazioni, Soldi

Qualche giorno fa è stato approvato il decreto Sostegni bis.

Tra le altre cose, la bozza del decreto rinnova i contributi a fondo perduto che erano stati stanziati con il primo Sostegni, prevedendo:

  1. Un indennizzo “automatico”, che è una replica del Sostegni1. In questo caso i beneficiari del primo ristoro riceveranno una somma identica alla prima tranche e non sarà necessario presentare alcuna domanda.
  2. Un contributo a fondo perdutoalternativo, riconosciuto se la riduzione del fatturato del periodo 01/04/2020 – 31/03/2021 rispetto a quello del periodo 01/04/2019 – 31/03/2020 è almeno del 30% .

Ricordiamo che per determinare l’importo della riduzione del fatturato, si fa riferimento alla data di effettuazione dell’operazione di cessione di beni o di prestazione dei servizi (anche per chi è in regime forfettario).

Chi può accedere a questo contributo “alternativo”?

Chi ha ricevuto il primo contributo Sostegni1, può effettuare il ricalcolo del ristoro sulla base del diverso periodo di questo metodo “alternativo”:

  1. se dal ricalcolo emerge il diritto a un contributo più alto, l’integrazione verrà riconosciuta sul conto corrente o erogata sotto forma di credito d’imposta;
  2. se, invece, emerge una somma inferiore non è prevista alcuna decurtazione del ristoro.

Facciamo un esempio: se hai ricevuto dal Sostegni1 un contributo di 2.000 euro, nelle prossime settimane riceverai di nuovo 2.000 euro (indennizzo “automatico”). Se effettuando il ricalcolo sul nuovo periodo 01/04-31/03, emerge che hai diritto a un contributo di 3.000, dovrai presentare domanda e riceverai altri 1.000 euro (3.000 – 2.000). Se dal ricalcolo emerge un contributo più basso, la nuova domanda non verrà presa in considerazione e manterrai i 2.000 euro ricevuti.

Precisiamo, infine, che per chi ha già beneficiato del contributo Sostegni1, i parametri per il calcolo restano uguali ovvero la perdita media mensile di fatturato 01/04 – 31/03 moltiplicata per:

  • il 60% se nel 2019 il fatturato era inferiore a 100mila euro
  • il 50% se sopra i 100mila e fino a 400mila
  • il 40% se sopra i 400mila e fino a 1 milione
  • il 30% se sopra 1mln e fino a 5mln
  • il 20% se al di sopra dei 5mln e fino ai 10mln

oltre quest’ultima soglia, come in precedenza, non spetta alcun sostegno.

Chi è rimasto escluso dal primo contributo Sostegni1, può fare richiesta del nuovo contributo se rispetta il parametro della riduzione del fatturato. In questo caso, l’indennizzo è calcolato applicando alla perdita media mensile di fatturato 01/04 – 31/03, parametri più alti:

  • il 90% fino a 100.000 euro di ricavi e compensi
  • il 70% da 100.000 euro a 400.000 euro
  • il 50% da 400.000 euro a 1 milione di euro
  • il 40% da 1mln di euro a 5mln di euro
  • il 30% da 5mln di euro a 10mln di euro

in ogni caso, l’importo del contributo massimo spettante non potrà superare i 150.000,00 euro.

La domanda del contributo a fondo perduto alternativo andrà presentata secondo regole e tempi stabiliti da un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

Infine, dal nuovo decreto si legge anche che ci sarà un ulteriore contributo, questa volta reddituale e non sulla base del fatturato, condizionato al peggioramento del risultato economico d’esercizio 2020 rispetto al 2019, in misura pari o superiore alla percentuale che sarà definita con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze (MEF) e che terrà conto dei ristori e sostegni già percepiti nel 2020 e nel 2021. Attendiamo approfondimenti.

Se vuoi approfondire

b-easy è la libreria di corsi online che ti aiuta a far crescere il tuo business consapevolmente.

Letture consigliate

Uso del contante dal 1° gennaio 2022

Dal 1° gennaio 2022 il limite per le operazioni in contanti (ora di 1.999,99 euro) si riduce a 999,99 euro, sempre salvo abrogazioni o proroghe dell'ultimo minuto. Rimangono le regole già in vigore, cambiando solo l'importo del limite, quindi, ad esempio: è possibile...

L’acconto Iva

Entro il 27 dicembre si deve versare l'acconto IVA per l’anno in corso. L’acconto va versato utilizzando il modello F24, senza applicare alcuna maggiorazione a titolo di interessi, utilizzando i codici tributo: 6013 per chi versa l'Iva mensile 6035 per chi versa l'Iva...

Aggiornamento sull’esonero dei contributi 2021

Abbiamo già parlato della possibilità prevista per il 2021 di accedere all'esonero parziale dal pagamento dei contributi in questo articolo. La possibilità era prevista per: gli iscritti alle Gestioni previdenziali INPS; i professionisti iscritti alle casse di...

Inizia ora a far crescere il tuo business

Scarica la guida gratuita di b-garage. Iscriviti alla newsletter per ricevere la guida gratis e leggere gli aggiornamenti dal nostro blog e dai nostri corsi. Non inviamo mai spam e non diamo il tuo indirizzo a terzi.
Share This