Il contributo fondo perduto del Decreto Sostegni

da | Apr 15, 2021 | Agevolazioni

Come avrete sentito, è stato approvato il Decreto Sostegni. Il Governo ha pubblicato delle slide semplici e complete che illustrano le novità, dateci un occhio cliccando qui.

Tra le novità, quella di maggiore interesse è il nuovo contributo a fondo perduto a favore di imprese e professionisti.

È stata (fortunatamente) abbandonata la lista dei codici ATECO e ciò che serve per rientrare è un calo di almeno il 30% del fatturato a livello medio mensile 2020 rispetto al 2019.

La percentuale del contributo va dal 60 al 20%, in base al volume dei ricavi del 2019 (escluso chi aveva ricavi oltre i 10 milioni):

  • 60% con ricavi e compensi non superiori a 100.000 euro;
  • 50% con ricavi o compensi superiori a 100.000 euro e fino a 400.000 euro;
  • 40% con ricavi e compensi superiori a 400.000 euro e fino a 1 milione di euro;
  • 30% con ricavi e compensi superiori a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro;
  • 20% con ricavi e compensi superiori a 5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro.

Il calcolo del contributo deve essere effettuato nel seguente modo:

Per chi ha attivato la partita IVA fino al 31/12/2018, se la differenza tra la media mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e la media mensile dell’anno 2019 è negativa (almeno del 30%, in quanto requisito di accesso al contributo), a tale importo (preso in valore assoluto) si applica la percentuale prevista in relazione alla fascia dei ricavi/compensi 2019, fermo restando il riconoscimento del contributo minimo se superiore

Per chi ha attivato la partita Iva a partire dal 1° gennaio 2019:

  • se la differenza tra la media mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e la media mensile dell’anno 2019 è negativa (superiore, pari o inferiore al 30%), a tale importo si applica la percentuale prevista, fermo restando il riconoscimento del contributo minimo
  • se la differenza tra la media mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e la media mensile dell’anno 2019 è pari a zero o positiva, spetta l’importo minimo del contributo.

In presenza dei requisiti di accesso, il contributo è quindi comunque riconosciuto per un importo minimo di 1.000 euro per le persone fisiche e di 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. L’importo massimo del contributo è pari a 150.000 euro.

Facciamo un paio di esempi di calcolo:

  • Un professionista nel 2019 ha avuto compensi per 50.000 euro mentre nel 2020 12.000 euro. La riduzione supera il 30% e mensilmente è pari a 3.166,67 euro. Applicando la percentuale del 60%, si ha che l’indennizzo è di 1.900 euro.
  • Un negozio che ha fatturato 280.000 euro del 2019 e 70.000 euro nel 2020 riceverà un sostegno di 8.750 euro. L’indennizzo si ottiene applicando il 50% sulla media mensile.
  • Un professionista che ha aperto partita iva a gennaio 2021 non ha un fatturato 2020 e tantomeno 2019. Ha comunque diritto al contributo minino di 1.000 euro

Si può richiedere il contributo a fondo perduto esclusivamente in via telematica sul portale Fatture e Corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate dal 30 marzo 2021 al 28 maggio 2021. A questo link trovate la guida per presentare la domanda!

Se vuoi approfondire

b-easy è la libreria di corsi online che ti aiuta a far crescere il tuo business consapevolmente.

Letture consigliate

I contributi del Sostegni-bis

Qualche giorno fa è stato approvato il decreto Sostegni bis. Tra le altre cose, la bozza del decreto rinnova i contributi a fondo perduto che erano stati stanziati con il primo Sostegni, prevedendo: Un indennizzo “automatico”, che è una replica del Sostegni1. In...

Bonus formazione 4.0

Con il “bonus formazione 4.0”, le imprese che sostengono spese per la formazione del personale dipendente nell'ambito delle tecnologie 4.0, possono fruire di un credito d’imposta dal 30% al 60%. Vediamo come funziona: CHI? Tutte le imprese residenti indipendentemente:...

Nuove imprese a tasso zero

Oggi vi segnalo l’incentivo “Nuove imprese a tasso zero”, che sostiene le iniziative imprenditoriali di giovani e donne.  CHI? Possono accedere le imprese: costituite da non più di 60 mesi; di micro e piccola dimensione; costituite in forma societaria; composte per...

Inizia ora a far crescere il tuo business

Scarica la guida gratuita di b-garage. Iscriviti alla newsletter per ricevere la guida gratis e leggere gli aggiornamenti dal nostro blog e dai nostri corsi. Non inviamo mai spam e non diamo il tuo indirizzo a terzi.
Share This